giovedì 15 marzo 2012

Chocolate & vanilla melting moments


Avvertenza: non date per scontata la ricetta dei melting moments non sono assolutamente biscotti!

Sono pasticcini, o meglio paradisiaci pasticcini, con l'eleganza della vaniglia (li ho voluti tutti tempestati di puntini!) e il cuore di morbido cioccolato fondente. Qual è il loro segreto? E' la meravigliosa pasta che si scioglie in bocca! 
Sono strepitosi e vi tenteranno ... tre volte tanto :-)
Ora ... non dite che non vi ho avvertito, se li preparerete dovrete affrontare gli sguardi innamorati dei vostri commensali! Eh, vabbé ...
La ricetta l'ho presa da un libricino (Baking recipe collection by Sainsbury's) che proponeva i passionfruit melting moments (ovvero i pasticcini farciti con una crema al frutto della passione) che ho convertito in dolcetti con crema al cioccolato perché subisco il fascino indiscreto della migliore coppia della pasticceria: siori e siore .... cioccolato e vaniglia ... la mia personalissima visione dello yin e yang :-P

domenica 11 marzo 2012

Cucina americana: cornbread, il pane di mais



Nella cucina piemontese la farina di mais-granoturco ha sfamato intere generazioni nella nostra regione grazie ad un piatto unico come la polenta ... questa la mia ricetta preferita con il civet, anche se farei un pensierino anche a quella con il formaggio :-). La farina di mais poi trova posto anche nella nostra pasticceria con le deliziose paste di meliga. Mi piace molto quando viene utilizzata per arrotolare i grissini perché oltre ad essere più croccanti hanno anche in più il profumo della farina di mais.
Ma ci sono altre parti del mondo in cui questo alimento è familiare ed è cucina di tutti i giorni :-) Oggi ci lanciamo e facciamo il pane di mais secondo la ricetta americana!

sabato 10 marzo 2012

Involtini primavera, o quasi ...


L'idea di fondo è ispirata all'involtino primavera tipico della cucina asiatica (ristorante cinese per intenderci), ma la mia non è assolutamente la ricetta originale è decisamente frutto della "contaminazione culturale" in cucina. Ci sono due versione degli involtini da servire come antipasto: mi piace sia la versione con sfoglia croccante fritta sia quella che non richiede cottura (sono quelli con i fogli di carta di riso e gamberi). Però questa volta, anche se volevo preparare la versione cotta, niente frittura!
Andiamo con ordine e partiamo dalla sfoglia: ho usato la pasta fillo che ho trovato qui, tolta dal freezer in un'ora era pronta per l'uso. Per il ripieno ho fatto saltare una cipollina, 2 carote grattugiate e uguale quantità di striscioline di verza in poco olio evo. Poi ho unito due nidi di spaghetti di riso (ammollati per 10 minuti in acqua fredda). Ho condito con salsa di soia (3 cucchiai circa) e qualche goccia di salsa di ostriche

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...