venerdì 2 marzo 2018

Tokyo: ristorante giapponese Kuriya

Ristorante Kuriya: tempura di verdure

Pubblicando la ricetta degli straccetti di pollo in salsa yakitori mi è ritornato alla mente il ristorante di Tokyo che abbiamo frequentato durante l'ultimo viaggio di cui vi avevo parlato qui.
Sono andata a ripescare le foto. L'interessante di questo ristorantino è la varietà di piatti serviti in piccole porzioni tanto da creare un delizioso banchetto fatto di assaggi (mi hanno ricordato le tapas). Una carrellata di sapori giapponesi per togliersi tutte le curiosità andando oltre il sushi e il sashimi che bene conosciamo.

Ristorante Kuriya: tempura di soft shell crab (granchio morbido)

"La ricetta della tempura ha alcuni segreti che vi consentono di ottenere una frittura leggera e croccante.
La base per la pastella è formata da acqua e farina nel rapporto di 2:1, per esempio ogni 100 grammi di farina dovete mettere 200ml di acqua circa. Considerate che la pastella dev’essere abbastanza collosa e non scivolare via troppo facilmente dagli ingredienti, eventualmente potete aggiungere anche un uovo ma non è per forza necessario anche se molte ricette dicono il contrario.
Il primo segreto è quello di usare acqua gasata, oppure birra. Bisogna poi che l’acqua sia molto fredda, per fare questo potete aggiungete alcuni cubetti di ghiaccio e lasciarli sciogliere e poi mescolare, in questo modo la frittura diventerà croccante. Il terzo ed ultimo segreto è di non dare troppa importanza ai piccoli “grumi” di farina nella pastella che non sono assolutamente un problema, anzi danno gusto alla ricetta." (fonte Marco Togni)
Ristorante Kuriya: zuppa di stufato di manzo
Le zuppe giapponesi sono meravigliosamente confortanti. Brodi leggeri e saporiti con guarnizioni di carne e verdure. I Ramen sono di grande soddisfazione anche per noi occidentali.
La zuppa in foto mi ha sorpreso piacevolmente ricordandomi un altro piatto nostrano della tradizione piemontese e langarola che adoro: il bollito di manzo. Questo stufato servito in brodo non prevedeva l'aggiunta di pasta era a dir poco perfetta!
Se vi capita di programmare un viaggio a Tokyo fateci un salto. Il menù è tradotto in inglese. Il locale è piccolo ma suggestivo trovandosi al piano interrato. Il personale è gentile ed ospitale. Ci hanno offerto un antipasto da loro proposto. Al momento del conto ci hanno spiegato riga per riga i piatti consumati, un accortezza in più per chi non parla la lingua giapponese. Ottima esperienza.
Provate anche il sake servito in una tazza riempita sino a traboccare.
1-15-8 Kabukicho | Maruo Bldg. B1, Shinjuku 160-0021, Prefettura di Tokyo



giovedì 1 marzo 2018

Straccetti di pollo con salsa yakitori, mandorle e sesamo tostati


A volte capita ... avevo acquistato del petto di pollo per preparare una ricetta messicana ma al momento di cucinare ho virato sui sapori della cucina giapponese. Pochi passi per uno sfizioso secondo piatto. Come contorno un po' di riso bianco e qualche verdura di stagione al vapore come broccoli e carote. Pronte le bacchette?
Mettiamoci ai fornelli

Straccetti di pollo con salsa yakitori, mandorle e sesamo
ingredienti
1 petto di pollo tagliato a striscioline
un po' di farina
salsa yakitori (vedi ricetta qui sotto)
un cucchiaio di semi di sesamo tostati
una manciata di mandorle tostate
olio evo qb
preparazione
Infarinare gli straccetti di pollo. Scaldare un paio di cucchiai d'olio in una padella e rosolare la carne. Tagliare le mandorle a fettine. Unire il sesamo e le mandorle nel tegame.
Unire la salsa yakitori e cuocere per qualche minuto a fiamma bassa con il coperchio. Se il sughetto si restringe troppo unire un po' di acqua tiepida.
Servire ben caldo accompagnando con riso bianco e verdure al vapore.

Salsa yakitori
ingredienti
shoyu (salsa di soia) 1 tazzina 
sake 1 tazzina
mirin 1 cucchiaio*
zucchero di canna grezzo 1 tazzina
miele d'acacia 1 cucchiaio
zenzero fresco 2 cm

In un pentolino mescolare gli ingredienti e aggiungere il pezzo di zenzero fresco pelato. Lasciare cuocere a fuoco moderato per 10 minuti. Spegnere e lasciar raffreddare il composto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...