lunedì 14 dicembre 2009

Insalatina di galletto

insalatina di galletto

Iniziare il pasto con una insalata ricca e colorata mette subito allegria, basta vestire di novità un piatto di per sé alla portata di tutti.

Si parte da un galletto o da un cappone, tipico della tavola delle feste, da lasciar cuocere in un brodo molto aromatico. E' una cottura lenta e prolungata, meglio se di due ore/due ore e mezza, tanto da permettere l'infusione di tutte le verdure e le erbe che vengono utilizzate nel brodo. Poi i bocconcini di carne vengono marinati nell'olio extra vergine raccogliendone i profumi fruttati, guadagnandone in morbidezza.

Dopo una descrizione così non posso che parlarvi della raccolta "L'oro nel piatto" che celebra l'olio extra vergine d'oliva proposto in coro da Mariluna di Via delle Rose e da Dada di Un déjeuner de soleil
.
L'or dans l'assiette
.
Vi spiego sotto anche come può diventare regalo o piatto pronto per un take a way :-) per cene organizzate tra amici!

Insalatina di galletto
Ingredienti
galletto 1
sedano 3 gambi
carote 2
cipolla 1
aglio (facoltativo)
rosmarino 2-3 rametti
salvia una manciata di foglie
prezzemolo 4 gambi
alloro 3 foglie
chiodi di garofano 4
pepe nero un pizzico
sale marino
olio e.v.o . eccellente q.b.

Iniziare portando a bollore l'acqua salata aromatizzata con tutte le verdure, le spezie e le erbe. Tenere da parte alcune belle foglie di salvia fresca che serviranno per la marinatura. Quando prende bollore aggiungere il galletto e cuocere a fuoco lento per un paio di ore. Lasciare raffreddare il brodo per alcune ore.

Procedere disossando ed eliminando pelle e filamenti, ottenendo tanti piccoli pezzetti di carne.

In una terrina o in un barattolo (con la guarnizione) mettere la carne a strati condendo con foglioline di salvia, un pizzico di sale e pepe nero e un po' di olio e.v.o. Procedere a strati, con l'aiuto di un cucchiaio livellare la superficie e coprire d'olio e.v.o.. Se piace l'aglio può essere utilizzato a fette nella marinatura per un sapore più rustico.

Marinare almeno un paio di giorni in frigo. Servire, sgocciolando bene, con una misticanza di insalatine e chicchi di melograno. Qualche goccia di aceto balsamico per regalare una nota di acidità. Si conserva sicuramente per una settimana.

Perché idea regalo? Se avete amici o parenti che non amano i dolci, un bel barattolo che racchiude un antipasto bello e pronto, una sorta di conserva da consumare nel giro di qualche giorno, non può che deliziare la vista e il palato. Molto pratico anche per un take away: infatti è stato preparato per la cena di venerdì 4 dicembre, organizzata con i colleghi dove ognuno ha preparato una portata del menù.

E vi dirò di più: con la focaccia con il sale grosso si mette la ciliegina sulla torta ... pardon sull'antipasto :-P

15 commenti:

Mariluna ha detto...

Grazie mille cara: é chiaro che qui l'olio d'oliva ha la sua grande importanza, l'idea é deliziosa.
Buona giornata :)

Mariluna ha detto...

ps: grazie per aver partecipato!

lenny ha detto...

Un'idea fantastica da copiare al volo e che di sicuro nella mia famiglia otterrà un gran successo :))

marifra79 ha detto...

Davvero un ottimo piatto!!!Bella la raccolta dell'olio di Mariluna...io lo uso sempre anche per le torte al posto del burro!!!!UN ABBRACCIO e buona giornata

Alex ha detto...

Infatti, come dici tu, viene altrettanto buona con il cappone. L'ho preparata la sett.scorsa, e poco tempo fa con la gallina...le adoro queste insalate!! La tua è proprio bella..

Anonimo ha detto...

Che deliziosa idea! un'insalatina bella da presentare, saporosa e anche bene augurante con il melograno dell'abbondanza. Oh, l'olio è davvero un prodotto d'oro, soprattutto quando si ha quello buono, genuino, fatto come una volta. Complimenti per le sempre bellissime foto.
Gli inverni a NY e dintorni sono abbastanza freddi e nevosi, a volte già in novembre iniziano le nevicate e comunque è molto mutevole, con le correnti e i venti dell'oceano di fronte, basta voltare per una delle loro lunghe strade per trovare un clima diverso, sembra incredibile ma è un po' così. Un carissimo saluto. Anny

Sandra ha detto...

very slurps, come dico io!! :)

Aiuolik ha detto...

Bellissima idea, anche perché un po' di polletto avanza sempre, è inevitabile!

astrofiammante ha detto...

questa è proprio una bella idea per far rinascere i secondi di carne bollita che qui al nord abbondano...e poi farne pure un regalo è decisamente una ideona ;-)) bacio bacio!

a.o. ha detto...

Twostellina, quasi quasi mi perdevo Aosta e la pie, ma ho recuperato... col polletto in gran finale :D

Sofy ha detto...

Che buona!la prenoto....è un'idea davvero carina che proporrei anche come secondo piatto!un bacione!

dada ha detto...

Interessantissimo e l'olio qui è il reuccio, grazie mille per la partecipazione E brava per aver cucinare il galletto, è raro ;-)
Buona giornata cara

salsadisapa ha detto...

quanto amo le tue foto twostella! questa insalata è buona e colorata, e pure sana :D un abbraccio!

Rossa di Sera ha detto...

Stellina, che bella idea di un regalo salato, quando puntiamo sempre sulla roba dolce!
Un abbraccio!

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

@mariluna: è stato veramente divertente partecipare :-)

@lenny: leggero e saporito è molto quotato anche da queste parti :-)

@marifra79: ho visto, giusto nella torta di mele :-)

@alex: con il cappone sarà il prossimo esperimento :-)

@anny: è piacevole utilizzare i oli extravergini provenienti da diverse zone d'italia, da quello di lago a quello delle zone vicino al mare :-)

@sandra: slurpissimo:-D

@aiuolik: così diventa anche un'idea per von servirlo sempre nello stesso modo :-)

@astrofiammante: quando vedi questo barattolo confezionato con strati di bocconcini e foglioline di salvia è degno di una boutique!

@a.o.: a proposito di polletto ... occore che si sperimenti anche da queste parti la ricetta di Julia! :-)

@sofy: per un secondo piatto è perfetto :-)

@dada: è stato un piacere, oltretutto ci divertiamo a curiosare le ricette dei diversi blogger :-)

@salsadisapa: equilibrio di sapori che ci vizia :-)

@rossadisera: effettivamente ci sono persone che non amano le preparazioni dolci, peccato non viziare anche loro!