giovedì 5 aprile 2012

Gnocchi alla romana con Bra tenero e prosciutto di Praga


Un ricetta che non può mancare tra i classici di casa. Prima di tutto perché è semplice, secondo perché si prepara in anticipo e si inforna per gratinare all'ultimo (giusto il tempo di apparecchiare il tavolo), terzo con la variante decorata con gli animaletti di prosciutto farete una "strage di cuori" con i bimbi :-). 
Se volete la versione più elegante potere "tagliare" l'impasto a forma di dischetti. I ritagli possono essere infornati in una piccola teglia a parte. Se invece volete una versione "easy" si possono tagliare a cubetti grossi come un dado da gioco.
Nella versione a dadini le punte diventano croccanti e sono una delizia!
Io ho utilizzato come base la ricetta tratta da Giallo Zafferano e poi l'ho modificata secondo i miei gusti. Per esempio preferisco usare l'olio e.v.o. perché si sente meglio il sapore del Bra tenero (formaggio piemontese).

Gnocchi alla romana con Bra tenero e prosciutto di Praga (da qui con le miei varianti)

olio e.v.o. q.b.
Bra tenero 50 gr
latte intero 1 litro
noce moscata
grana grattugiato 100 gr
sale marino q.b.
semolino 250 gr (io mi trovo bene con questo)
tuorli d'uovo 2
decorazione: prosciutto di Praga

Mettere il latte in un tegame sul fuoco con un cucchiaio di olio e.v.o. ad un grosso pizzico di sale, e una grattatina di noce moscata. Quando il latte bollirà versatevi a pioggia il semolino, mescolando energicamente con una frusta, per evitare la formazione di grumi.
Cuocete il composto a fuoco basso per qualche minuto, fino a che il semolino si addensi, dopodiché togliete il recipiente dal fuoco ed incorporate al composto i due tuorli e gli 80 gr di grana grattugiato .
Versate il composto ottenuto in una teglia bagnata con acqua fredda o spennellata d'olio e dai bordi bassi Dopo aver versato l'impasto stendere con l'aiuto di un lecca pentole. Coprire con carta forno e finire di stendere con un mattarello. Lasciare raffreddare (io la preparo una sera in anticipo).
Prendete una teglia e spennellarla d'olio e.v.o..preriscaldare il forno a 200°.
Non appena il semolino si sarà raffreddato, con l’aiuto di un bicchiere, una tazzina o un tagliapasta di forma tonda, ricavatene tanti dischi del diametro di circa 5 cm, che andrete ad adagiare nella pirofila sovrapponendo leggermente un disco all’altro.Quando avrete sistemato tutti i dischi nella pirofila, cospargete la superficie con il Bra tenero.Mettete la pirofila nel forno già caldo e lasciate gratinare i vostri gnocchi alla romana per circa 20-25 minuti, finché si formerà una bella crosticina dorata.
Quando si sforna decorare con cubetti di prosciutto di Praga (io ho ritagliato da fette spesse di prosciutto gli animaletti con le formine da biscotti)

9 commenti:

Zonzo Lando ha detto...

Sì, veramente un classico che non può mancare nei ricettari. Proprio carina l'idea del prosciutto :-) e chissà che buoni!

Nani ha detto...

Mi piacciono molto i gnocchi alla romana, buono il tuo condimento!

Loredana ha detto...

Ho scoperto un anno fa gli gnocchi di semolino e mi piacciono moltissimo, questa versione per i bimbi è bellissima!

buona Pasqua

loredana

Luca and Sabrina ha detto...

Un classico che ci vergognamo a dire che non abbiamo ancora mai provato, la tua ricetta ci ha svegliato la voglia forte di provarli anche noi, sono un piatto che ci rimanda all'idea del giorno di festa e la croccantezza unita alla tenerezza hanno già deciso per noi!
Un bacione e Buona Pasqua
Sabrina&Luca

dolci a ...gogo!!! ha detto...

Deliziosi gli gnocchi alla romana è una vita che non li provo mi hai fatto proprio venire una voglia tremenda!!!bacioni e buona Pasqua tesoro!!
Imma

Giorgia ha detto...

un classico rivisitato a dovere! io li adoro e a casa ho anche un grande estimatore degli gnocchi alla romana, ma non li faccio mai :( e mica ho ancora capito il perché... Buona Pasqua Twostella!

lucy ha detto...

Grazie mille degli auguri! devo assolutamente recuperare tutti post persi causa giri vari per eventi!baci

Carla ha detto...

golosoni questi gnocchi alla romana :)

Buona Pasqua carissima elena!

un bacio

Marina ha detto...

Sono un piatto della tradizione, un grande classico che non ho mai preparato e che non ricordo di aver mai assaggiato... dovrò provvedere perché anche questa volta guardando la foto e nonostante le abbuffate che ci aspettano riescono a farmi venire l'acquolina.
Auguri e un abbraccio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...