giovedì 3 ottobre 2013

Le ricette furbe: i maltagliati con le garitule (cantharellus cibarius)


Quando si prepara la pasta ripiena ci sono sempre i ritagli di sfoglia che avanzano ... e visto che in cucina non si butta via niente vi consiglio di stenderli per benino ad asciugare. Si possono tagliare con la rotella se volete un aspetto più romantico o anche semplicemente con il coltello. Le dimensioni dipendono dai vostri gusti. In questo modo avete bella e pronta la pasta all'uovo per il prossimo pasto :-)
I sughi sono a piacere, semplicemente burro e salvia oppure con le zucchine, o con sugo di arrosto e champignon, o con il ragù alle nocciole, oppure in questo caso li ho conditi con un sugo di garitole, grazie a un gentile omaggio ... Sono tra i miei funghi preferiti perché rimangono croccanti anche dopo la cottura. Perfetto per un profumato sughetto!
Se invece del primo asciutto avete preferenza per le zuppe calde (effetto coccola per la stagione fredda!) i maltagliati si possono tuffare all'ultimo minuto per rendere la zuppa ancora più buona e accompagnare al meglio verdure e legumi :-)

Maltagliati con le garitule
maltagliati*
cipollotto
garitule
erbe aromatiche (prezzemolo, basilico e rosmarino)
olio e.v.o
sale marino
pepe nero
Tritare il cipollotto e stufarlo in olio evo. Unire un po' di erbe aromatiche tritate al coltello, e i funghi tagliati a piccoli pezzetti. Salare e pepare. Spegnere il tegame e unire ancora un po' di erbe aromatiche tritate. Lessare i maltagliati e saltarli in padella nel sugo. Finire con un filo di olio a crudo e qualche fogliolina di basilico tagliato o strappato a mano.

*Le dosi e il procedimento per la mia pasta fresca:
semola di grano duro rimacinata 1 kg (più extra per infarinare)
uova intere 9 e un tuorlo
olio e.v.o. 2 cucchiai
acqua fredda, se serve, uno o due cucchiai
Per la pasta unire tutti gli ingredienti, impastare e lasciare riposare almeno 30 minuti avvolta nella pellicola. Tirare la sfoglia a mano o con l'aiuto dell'impastatrice con l'accessorio per sfoglia. Io lo passo due-tre volte al numero 1. Poi la ripasso due volte al numero 2, poi numero 4, poi numero 6. Infine lascio asciugare un po' la sfoglia sul ripiano. Poi procedo tagliando a strisce e quadrati con la rotella per pasta.

Per saperne di più (wiki)
Il Cantharellus cibarius (volgarmente gallinacciogallettogiallettogaddinieddefinferlo o garitula) è uno dei funghi più conosciuti; senza dubbio la specie è raccolta e mangiata ovunque.
Riesce eccellente cotto in olio, prezzemolo, aglio e peperoncino, da solo o come contorno.
Si presta bene alla conservazione, sia sotto aceto che essiccato. In quest'ultimo modo viene utilizzato per condire varie pietanze o altri funghi, per tale ragione è detto "il prezzemolo dei funghi".





Con questa ricetta partecipo al contest “Pastissima” di Chezuppa.it

5 commenti:

lucy ha detto...

che bonta'! sai che non vedo l'ora che arrivi domani per fare la pasta in casa...mi devo cimentare nei tagliolini come una volta!

Babs ha detto...

ed è amore al primo sguardo....
ciao stellina!

Luca and Sabrina ha detto...

Ne sappiamo qualcosa della pasta che avanza, è successo anche settimana scorsa. Le idee che ci hai dato sono preziosissime, il ragù con le nocciole è stellare, ma altrettanto il condimento che hai regalato a questo primo piatto! Delizioso, romanticamente autunnale!
Buon fine settimana
Sabrina&Luca

Zonzo Lando ha detto...

Ma mi hai fatto venire una voglia di mettere le mani in pasta che non hai idea!!! Troppo bella questa ricetta :-) Bacioni e buon we

Paola Caratto ha detto...

aaah, la pasta con i funghi e la mia preferita ma le garitule sono una vita che non le trovo... :(

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...