martedì 29 ottobre 2013

Swiss Club Sandwich per la Swiss Cheese Parade




Seconda proposta per la Swiss Cheese Parade, dopo la polenta con i riccioli di Sbrinz, passiamo ad un panino, il cibo da strada più semplice ed immediato.
Lo Street food è il tema proposto da Tery di Peperoni e Patate per il concorso con i Formaggi dalla Svizzera, Sbrinz e Gruyère come vi avevo già detto (qui).
Indagando tra i miei panini preferiti (per esempio pomodoro-olio-basilico, oppure formaggio fresco-cetrioli-pepe nero ovvero i sandwich per l'afternoon tea, per capirci ^-^) sono finita su quello più goloso, con tanti strati di cose buone tra tre fette - dico tre fette - di pane tostato ovvero il Club Sandwich
Noi l'abbiamo incontrato la prima volta nel regno unito preparato con un delizioso pane ai cereali con tanti semi tostati che lo rendevano ancora più aromatico.


Come non lo conoscete? No!?! Allora ve lo presento :-P
Gli ingredienti classici per il Clubhouse sandwich sono il tacchino o il pollo, il bacon croccante, il pomodoro e la lattuga. 
Il pane è tostato e viene condito con maionese e a piacere si può aggiungere anche un tocco di senape. 
A me piace chiudere il panino con le olive verdi.
Il taglio tradizionale permette di vedere l'interno della farcitura con tutti i suoi colori e i suoi sapori.
All'interno di questa cornice io ho aggiunto ancora uno strato di bontà le fettine di formaggio Gruyère rendendo il panino decisamente svizzero!
Se volete insieme al panino si possono aggiungere e servire anche le patatine fritte belle calde.
Cosa ne dite?
Passiamo ai fornelli ...

Swiss Club Sandwich
ingredienti per un sandwich
3 fette di pane in cassetta (bianco o integrale)
4 fette di Gruyère
3 fette di pomodoro cuore di bue
2 foglie di insalata (lattuga o altra insalatina dolce)
2 fette di bacon grigliato
1 fettina di petto di pollo ai ferri
1 cucchiaio di maionese
1 cucchiaino di senape all'antica
2 olive verdi
Tostare le fette di pane. Mescolare senape e maionese e dividerla sulle tre fette, e spalmarla.
Iniziare mettendo l'insalata, il pollo e il Gruyère. Coprire con la prima fetta di pane. Proseguire con pomodoro, pancetta. Chiudere con l'ultima fetta di pane. Fermare con due stuzzicadenti con le olive verdi.
Tagliare a metà ricavando due triangoli. Servire subito accompagnando eventualmente con patatine fritte.



Approfondimento storico:

il Clubhouse Sandwich (da Vanity Fair)

... nel 1899 il club sandwich fece la sua prima apparizione nel famoso Saratoga Club House a Saratoga Springs, vicino a New York, una sala da gioco riservata appunto ai soli uomini, non c’era alternativa. Poi, grazie anche alla fama di «piatto preferito» di personaggi del calibro di re Edoardo VIII e Wallis Simpson, il tramezzino più chiacchierato di inizio secolo divenne appannaggio di tutti. Restando però nei lobby bar dei migliori hotel, prima degli States e poi del resto del mondo. Il segreto del suo successo? «Forse sta nell’idea di aver ordinato “solo” un panino, ma che appaga l’occhio e il palato insieme, anche quello dei più golosi» ...

Gruyère (da Formaggi dalla Svizzera)

La regione del Gruyère è una delle aree più incantevoli delle Prealpi svizzere. I ricchi pascoli, i boschi e le tradizioni del luogo sono una caratteristica costante del territorio che hanno dato origine ad un formaggio unico quanto prezioso. Questo antico territorio era abitato dai Romani e dai Celti che già sapevano fabbricare il formaggio.Ma sarà la cittadella medioevale di Gruyère alle falde del Moléson, famosa per un ricco mercato, la patria del famoso formaggio. Nel 1115, Guillaume, il conte di Gruyère, fonda il priorato cluniacense di Rougemont ed eredita diversi privilegi fra cui quelli della fabbricazione del formaggio nelle montagne dell’omonima regione. Il convento avrebbe sostenuto la fabbricazione del formaggio e messo a disposizione tutto l’occorrente necessario. Durante l’estate con caldaie, forme e setacci i pastori della contea avrebbero trasformato in formaggio la produzione di latte della regione.Nel 1221 il simbolo della gru compare nello stemma dei conti di Gruyère, lo stesso che dal 1764 al 1798 sarà usato dai produttori per il formaggio stagionato nella città di Gruyère. Già dal Medioevo il formaggio di Gruyère è conosciuto anche fuori dalla contea e la sua presenza è documentata nella zona del Lago Lemano e anche a Lione.Nel 1762 l’Académie Française inoltre riconoscerà la “parola Gruyère” come formaggio fabbricato nell’omonima regione Svizzera.




Quando si mangia fuori non si sa mai chi si aggiunge alla compagnia ... mi sa che la signorina coccinella abbia trovato il panino molto invitante :-)



2 commenti:

Anna Luisa e Fabio ha detto...

Vista anche l'ora, sarebbe proprio l'ideale per un pasto goloso.

Fabio

Elena Bruno ha detto...

@anna luisa e fabio: proprio vero, buona giornata!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...