giovedì 16 ottobre 2014

Ricette delle Langhe: Croccante di nocciole e caramello





Tempo di Fiera del Tartufo Bianco d'Alba, tempo di torrone e croccante alle nocciole.
La nocciola tonda gentile è un frutto meraviglioso che si gusta volentieri al naturale ma si impiega altrettanto bene nelle ricette della nostra tradizione langarola: i baci di dama, i tartufini dolci, la torta di nocciole, i brut e bon, ma anche nel salato con il ragù di nocciole. Mancava all'appello una ricetta di casa, semplice, semplice, da sgranocchiare con golosità insieme al caffè alla fine del pasto.

La raccolta delle nocciole oggi è in gran parte meccanizzata, ma in passato si faceva a mano, con fatica, una per una, e forse se apprezzava ancora di più il valore ...
Le nocciole si possono comprare già sgusciate e già tostate.
Se volete procedere dal frutto intero occorre armarsi si santa pazienza e "schiacciarle" per separarle dal guscio. Una volta preparata la quantità desiderata si passano in forno per 10-15 minuti, ben distese su di una placca, sino a quando la pellicina si separa dal frutto. 
Si tolgono dal forno e si lasciano intiepidire. Poco alla volta si passano in mano e, frizionando, si separano le pellicine. La varietà tonda gentile non perde completamente la pellicina, ne rimane sempre qualcuna. Si conservano in un barattolo.
la tostatura libera gli aromi degli oli del frutto, ma non si deve eccedere, altrimenti si passa ad una nota amara poco gradevole.

Croccante di nocciole e caramello

ingredienti

nocciole tostate q.b.
zucchero di canna grezzo q.b.

In un pentolino mettere lo zucchero di canna e accendere il fuoco, a calore moderato. Non aggiungere acqua, non usare cucchiai. 
Tenendo il pentolino con il manico (meglio con una presina) roteare il composto per facilitare lo scioglimento. Ci vorrà qualche minuto, per ottenere il caramello perfetto. Attenzione massima, deve essere caramellato e non bruciato.
Se si utilizza lo zucchero bianco il caramello risulterà più chiaro, e di color ambrato.
Quando il caramello è pronto rovesciare le nocciole e sempre roteare il composto e versarlo su carta forno appoggiata su di un tagliere.
Più le nocciole sono vicine, più belli saranno i pezzettini che si ottengono tagliando il composto una volta rappreso.

1 commento:

lucy ha detto...

mamma mia e di fantastiche nocciole avvolte in una libidine!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...