domenica 17 gennaio 2016

Raviole del plin, con ripieno di patate e rosolacci, allo Stilton



Ci lanciamo in un esperimento di cucina fusion. La pasta fresca italiana, con la forma tipica langarola, condita con un famoso erborinato inglese: lo Stilton Cheese.
Ci piace viaggiare e abbiamo un debole per la terra di Albione così come ci dice sempre Elena Comida :-D La Gran Bretagna è la nostra passione e ci diverte assaggiare i prodotti tipici britannici. E' un modo per conoscere meglio una regione, un popolo. Quando poi si usano gli ingredienti a casa, l'atmosfera piacevole delle vacanze e del viaggi accompagna i gesti quotidiani della cucina.
Due parole sullo Stilton Cheese.

Lo Stilton è un formaggio a pasta dura, un erborinato prodotto con latte vaccino pastorizzato. 
A lungo conosciuto come il “Re dei formaggi”, Blue Stilton è uno dei pochi formaggi tradizionali britannici a poter usufruire dallo status di “ Denominazione d’origine protetta “ (PDO) della Commissione Europea. Solo i formaggi prodotti nelle tre regioni del Derbyshire, Leicestershire e Nottinghamshire e preparati seguendo alcune precise regole, possono essere chiamati Stilton (fonte Stiltoncheese).
E' un formaggio saporito, con carattere deciso ma non piccante, ed è piacevolmente cremoso.
Per condire la pasta non ho fatto la fonduta, ho preferito assecondare la sua natura e preparare tante piccole schegge che si sono sciolte leggermente saltando le raviole in padella.
Verdetto dell'esperimento: matrimonio perfetto!


Raviole del plin, ripieno di patate e rosolacci, allo Stilton
ingredienti per il ripieno 4 persone
2 patate a pasta gialla lessate
1 pugno di rosolacci lessati
25 g di burro
40 g di parmigiano reggiano
1 tuorlo d'uovo
sale pepe nero q.b.
ingredienti per il condimento
30 g di burro
Stilton cheese quantità a piacere
preparazione
Per la pasta seguire questo procedimento usando metà dose.
Passare le patate con lo schiaccia patate. Tritare i rosolacci finemente. Unire patate e rosolacci, condirli con burro fuso e parmigiano grattugiato. Regolare di sale e pepe nero, e assaggiare se il ripieno ha la giusta sapidità. Infine incorporare il tuorlo d'uovo. Farcire la pasta fresca.
Lessare le raviole per due-tre minuti. Scolarle con una schiumaiola e metterle in un tegame sul fuoco, condire con il burro e aggiungere un po' di acqua di cottura della pasta. Spegnere il fuoco, aggiungere lo Stilton ridotto a piccoli pezzetti. Saltare la pasta, servire ben caldo decorando con due foglioline di rosolacci.

E per finire cosa sono i rosolacci? Fanno parte delle erbe spontanee commestibili che si trovano qui nella provincia di Cuneo. Solitamente si raccolgono in primavera, ma è inverno anomalo, un po' più caldo. Ne avevo già parlato-fotografato qui. Per saperne qualcosa in più sul papavero di campo vi lascio il link. Se non li trovate si possono sostituire con gli spinaci :-)

8 commenti:

simona ha detto...

Ciao Elena, se non fossi vegana mangerei tutta la pentola :) Sono veramente bellissimi, brava!

Elena Bruno ha detto...

Ciao Simona :-) per la versione vegana ho provato con ripieno di patate con olio evo e rosmarino e pasta fresca senza uova. Sono altrettanto interessanti!

Kittys Kitchen ha detto...

Ciao Elena, da tanto non venivo a lasciarti un saluto. Come stai? :)
Ho un debole anche io per lo Stilton ( e come si fa a non amarlo?!) in questo piatto l'hai davvero valorizzato.

Elena Bruno ha detto...

Ciao Elisa, che piacere risentirti :-) buona settimana!

lucy ha detto...

piemontese e amante dei formaggi come faccio a non amare questo piatto?

Fausta Lavagna ha detto...

in effetti... stavo proprio per chiederti cosa fossero i rosolacci ... ihihihi... poi, veramente, quando l'ho letto m'è subito balzato in mente che li conoscevo! Ecco, questo piatto dev'essere ottimo! Non sapevo che venissero chiamate al femminile e quando ho letto "raviole" ho subito pensato a quelle della val Varaita, di cui una volta avevamo discusso. Ottime anche quelle, ma in queste serve la maestria per "confezionarle": così piccole e perfette, una uguale all'altra. Bellissimo, mi ci sono persa...

Anna Luisa e Fabio ha detto...

Anche io adoro lo Stilton e trovo che ci stia alla grande in questa ricetta che diventa ancora più saporita.

Fabio

Elena Bruno ha detto...

@lucy: ti ha conquistato con la lista degli ingredienti, ma all'assaggio è ancora meglio :-)
@fausta: Per fortuna ci sono le foto, a volte una sfumatura dialettale o un'usanza di una città o di un paese può "confondere" :-) agnolotti, ravioli, raviole qui ogni famiglia ha le sue abitudini
@fabio: ti assicuro che è un matrimonio perfetto... peccato aver finito lo Stilton ... e non sempre si riesce a trovarlo in Italia:-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...