venerdì 18 marzo 2016

Ricette delle Langhe: Polenta ottofile e merluzzo al verde, preparato da mamma Anna

Questa mattina ero dal dottore per ritirare una prescrizione. Ero un po' infreddolita di fronte all'assistente del medico e aspettavo in fila il mio turno. A un certo punto è spuntato un signore, che svicolando ha iniziato a parlare con la segretaria. Praticamente ero lì in piedi ad ascoltare involontariamente la conversazione, un po' in italiano, un po' in piemontese. Tra una battuta e l'altra,  raccontando di neve e nevicate, il discorso si è concluso: "Con questo tempo ci vorrebbe una bella polenta con tutti i condimenti!"
Tornata a casa la mamma aveva preparato proprio la polenta, quella lenta e cremosa come solo lei sa fare, e il merluzzo al verde. Ho concluso che a tutta la gente di Langa alla vista della neve scatta  in modalità polenta :-D
La polenta a me piace anche così da sola, però se la voglio condire la abbino al formaggio (la mia preferita è o burro e parmigiano o con lo stracchino) o la sposo con i profumati funghi oppure  finisce ad ospitare all'adorato civet. Anche il papà prepara una versione del baccalà alla vicentina delizioso che con la polenta ci sta anche molto bene! Vi segnalo anche la bagna d'infern, classica delle Langhe, un sughino semplice, povero ma carico di significato.
Ma mettiamoci finalmente ai fornelli!

Polenta ottofile e merluzzo al verde
ingredienti per 4 persone
4-6 pezzi baccalà dissalato
farina bianca per infarinare
una cipolla
uno spicchio d'aglio (se piace)
un pugno di prezzemolo
un paio di pomodori pelati
olio e.v.o. q.b.
per la polenta
2,5 litri di acqua
450 g di farina di mais ottofile per polenta 
un cucchiaino di sale marino grosso 
un cucchiaio di olio e.v.o.
preparazione
Per la polenta
Mettere l'acqua sul fuoco e iniziare a scaldare. Quando siamo vicino al bollore, prima che inizi a bollire, si condisce con sale e olio. Con l'aiuto di una frusta si incorpora la farina poco alla volta, prendendone un piccolo pugno e lasciandola cadere piano nell'acqua. Mettere sul fuoco più piccolo e cuocere per un'ora e un quarto girando con un cucchiaio di legno di tanto in tanto.
Per il merluzzo
Asciugare i pezzi di merluzzo, controllando di eliminare accuratamente le lische. Si infarinano e si fanno friggere in poco olio.
Si prepara un "battuto" di cipolla, prezzemolo e aglio se piace usando la mezzaluna. In un tegame si lascia appassire il trito in un paio di cucchiai di olio. Si uniscono i pelati tagliati a piccoli pezzi. Si lascia cuocere 10-15 minuti. Si unisce il merluzzo e si lascia cuocere sino a quando la salsa si lega e crea un sugo cremoso. 
Si serve il merluzzo ben caldo con una generosa porzione di sugo, accompagnandolo alla polenta morbida.

Buon appetito da parte mia e da parte della mamma!

2 commenti:

Cipensiamo Noi ha detto...

Che buona davvero bellla da vedersi e golosa!! Complimenti a Mamma Anna :-D

Elena Bruno ha detto...

Grazie, riporto i complimenti :-)
Buona serata!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...