mercoledì 21 settembre 2011

Falafel: antispasto misto, finger food o panino?


falafel & hummus in versione finger food

Il mio primo assaggio delle falafel è parigino. Spiego meglio: non stiamo parlando di cucina francese ma, un paio di anni or sono, durante il viaggio a Parigi, abbiamo mangiato pranzo in Rue de Rosier, nel famoso quartiere del Marais. Le falafel sono un tipico piatto fast food del medioriente.
Grazie alle segnalazioni in rete che ci hanno accompagnato nella trasferta parigina (un post di Comida de Mama) siamo andati a colpo sicuro e abbiamo assaggiato una delizioso panino che ci ha fatto scoprire croccanti polpettine di ceci speziate accompagnate da verdure fresche.

Ed eccococi qui nella nostra cucina per provare a ripoporle a casa. Per mia comodità mi ricopio pari pari la ricetta di Comida de mama che ringrazio per le interessanti notizie che ci aveva dato nel suo post :-) e ci aggiungo il prezzemolo che lei aveva omesso e noi abbiamo utilizzato.

Falafel
ingredienti per 35-40 falafel grandi come noci:
500 g ceci secchi
1 cipolla rossa di grandezza media
2 spicchi di aglio
1/2 cucchiaino di semi di cumino
1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio (optional)
la punta di cucchiaino di curcuma in polvere
1 cucchiaio di farina (solo in caso di emergenza)
un mazzetto di prezzemolo
olio per friggere
Mettere i ceci in ammollo in acqua fredda per 24 ore, cambiando un paio di volte l'acqua.
Mondare e tagliare a pezzetti la cipolla.
Mondare e tritare l'aglio.
In un mortaio ridurre i semi di coriandolo in polvere.
Scolare i ceci e trasferirli in un robot da cucina con inserito l'attrezzo lame.
Unire ai ceci le cipolle, l'aglio, il cumino, il coriandolo, il prezzemolo tritato, il bicarbonato (optional) e la curcuma.
Attivare il robot da cucina e frullare tutti gli ingredienti ottenendo una pasta omogenea.
Lasciare riposare l'impasto per almeno 1/2 ora.
Con le mani umide raccogliere un cucchiaio abbondante di impasto e formare delle palline grandi come noci, premendo bene con le mani (noi abbiamo utilizzato il porzionatore per palline di gelato)
Lasciare riposare per almeno 20 minuti.
In una pentola adatta per fritture in olio (deep-fry) scaldare una buona quantità di olio da frittura.
Io uso l'olio di semi di arachidi e uso piccole pentole che mi permettono di friggere con poco olio poche cose alla volta, ma c'è chi preferisce usare grandi padelle e friggere tutto insieme.
Verificare che l'olio sia caldo abbastanza buttando una briciola di impasto dentro.
Tuffare un primo falafel crudo. Nel caso malaugurato che durante la frittura si rompa è meglio rimpastare il tutto aggiungendo una cucchiaiata di farina. Con questa ricetta non mi è mai capitato.
Procedere alla frittura delle falafel aspettando di vederle dorare.
Rimuoverle dall'olio con una schiumaiola e trasferire su un piatto coperto di carta assorbente.
Si consumano sia calde che a temperatura ambiente.

antipato misto: falafel, hummus, verdure, olive e ceci speziati

Perfetto per un antipasto misto con verdure, hummus (questa volta ho usato questa ricetta).

Se volete sbirciare il panino originale dell'As du Fallafel (Rue de Rosier 34, Parigi) eccolo qui in tutto il suo rustico splendore ...


Pronte le valigie per Parigi?

20 commenti:

ilcucchiaiodoro ha detto...

Mamma quanto è bello quel paninazzo! Ma che fame che mi ha fatto venire! A quest'ora partirei anche senza valigie solo per andarmelo a mangiare!
E anche questi falafel devono essere spettacolari!
Donatella

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

@ilcucchiaiodoro: peccato averne preso solo uno! Un quartiere affascinante con molti negozi etnici tutti da esplorare :-)

bucciadilimone ha detto...

Gentile twostella,
anch'io folgorata da un po' di anni dal panino falafel de l'as de falafel... un panino così e l'incanto di place des vosges attorno: è questa la mia accoppiata vincente per sentirmi in pace con il mondo!!!
Non mi sono mai cimentata perchè temevo la rottura durante l'operazione di frittura...proverò!!
Un caro saluto!!

Patrizia ha detto...

le adoro!!! anch'io per la prima volta le ho assaggiate a parigi, in molti posti le propongono anche con spezie differenti, ma io cmq le adoro e le ripropongo anche in casa utilizzando pero' il coriandolo fresco ;-) e pentoline piccole per friggerle poche alla volta !!!!

buona gornata

dolci a ...gogo!!! ha detto...

Sai che nn le ho mai provate però ne sento parlare cosi bene che mi copio la tua ricetta e le provo mi sembrano gustosissime!!baci,Imma

Emanuela - Pane, burro e alici ha detto...

Che bontà! E che presentazione!
Ciao ciao

lucy ha detto...

quel panino è veramente uno splendore.alla versione dei felafel con le fave preferisco decisamente con i ceci.ottimi a me piacciono molto

Aleonlykitchen ha detto...

La mia valigia è sempre pronta per Parigi...!!! All'As du fallafel non sono mai riuscita a mangiare... le due volte che ci ho provato l'ho trovata chiusa.. :-( L'ultima nei giorni successivi alla Pasqua di quest'anno... Ma prima o poi ci riuscirò!!!!
Grazie per la ricetta!!!

merendasinoira ha detto...

anch'io vado matta per i falafel, ricordo che ho convinto mio marito a farci pranzo a Den Haag e lui si fece spiegare la differenza tra le varie salse senza poi capirci niente (e te credo, un misto di egiziano e olandese... :-D ) e a momenti mi va a fuoco per la piccantezza...! io le adoro invece con la salsa tahine

Francesca ha detto...

Io da Parigi sono (quasi) appena tornata e già ripartirei...bravaaaaaaaaaaa

Luisa ha detto...

sublimi...! adoro i ceci.. tutte le spezie.. come faccio a non amare i falafel allora?ottimi davverO! piacere.. a presto cara (anche perchè mi sono unita ai tuoi lettori) .. se ti va, vieni a trovarmi!ciao

Simo ha detto...

mamma mia che appetito mi hai fatto venire.......

astrofiammante ha detto...

... e io che pensavo di aver inventato il panino con i falafel.......mi son persa il copyright ^ _____ ^
stesso metodo e non mi si è spatasciato niente, tutti quei contorni sono una vera tentazione !!!!

Cinzia ha detto...

sono sempre una piccola chicca, io li avevo trovati su un libro di cucina vegetariana e li ho sempre fatti da me, ma un assaggio in versione "original" mi piacerebbe tanto. E parigi è sempre nel mio cuore!

foto e fornelli ha detto...

Anche io mi sono fiondata nella Rue de Rosier dopo aver letto il post di Comida e ricordo benissimo quei falafel spettacolari. Farei volentieri le valigie per Parigi oggi stesso :-)
Farle in casa è sicuramente un lavorone, ma che soddisfazione.
Un abbraccio, Alex

yari ha detto...

Viva i (o le?) falafel. Sono uno dei miei piatti preferiti. Io li avevo scoperti per la prima volta da El Mir, il ristorante libanese dietro Piazza Castello a Torino, più di quindici anni orsono. Proverò sicuramente il locale che consigli la prossima volta che sarò a Parigi.
PS. Foto bellissime, soprattutto quella degli antipasti misti.

bollibollipentolino ha detto...

che delizia, mi incanto sempre davanti alle tue fantastiche foto!!
ciao :)

Francesca ha detto...

Che ricordi mi suscitano i falafel di Parigi!!! Ti seguo con piacere, ciao!

fragoliva ha detto...

questo post per me è rigenerante... grazie
A.

wagashi stories ha detto...

con questa foto mi hai conquistata. ti devo assolutamente seguire! ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...