domenica 8 febbraio 2009

E' tutta una questione di tuberi

tatin di tartifle
.
In un sabato come un altro, con una breve visita a casa Tartifla, ovvero nel campo dei fiori lilla (fiori di tartifle-patate), rimane l'invidia per queste bellissime patate a pasta gialla con una buccia dai riflessi rubino, ma ho portato a casa una ricetta superlativa!
Non avevo mai visto fiori di patata lilla, dalle nostre parti sono bianchi, lunghi solchi con candidi fiori bianchi (qui vi avevo mostrato quelli dell'orto di casa). Mi piace riscoprire la varietà così spesso appiattita dalla globalizzazione ...
.
Copio e incollo per comodità :-)
.
Per la frolla al parmigiano :- 200 g di farina- un pizzico di sale- 1 cucchiaio di lievito per torte salate (quello senza vanillina, per intenderci)- 100 g di parmigiano grattugiato- 100 ml di latte- un uovo- 100 g di burro fuso- (una cucchiaiata di senape)
Per guarnire- patate (del tipo da fare al forno)- rosmarino fresco- burro per ungere la teglia- 4 cucchiai di parmigiano grattugiato grosso
La frolla, che va fatta riposare almeno mezz'ora, possibilmente in frigo, si prepara mescolando farina, parmigiano, sale e lievito, aggiungendo quindi l'uovo sbattuto col latte, (la senape) e, quando sono incorporati, il burro fuso lasciato raffreddare.In una teglia con cerniera apribile, si spalma burro in abbondanza, si spolverizza di sale, quindi si cosparge di rosmarino e si appoggiano a raggiera patate tagliate a spicchi quindi a fette spesse 1 mm, massimo 2, aggiungendo schegge laddove rimanessero dei vuoti. A questo punto si cosparge sopra le patate il formaggio grattugiato rimasto e ci si dedica alla pasta. Raffreddandosi si è rassodata un po' ma rimane comunque difficile da gestire. Va stesa con le mani su un foglio di carta forno e da lì adagiata delicatamente sulle patate. Tolta la carta, con la punta delle dita si spinge in giù la pasta tutto attorno come a volerla infilare un po' sotto alla patate.Forno 180° per 35 minuti , coprendo con alluminio se dovesse colorire troppo. Sfornare, aprire l'anello della tortiera con prudenza - potrebbe colare burro bollente - girare con le patate in su, adagiare sul piatto da portata e gustare una volta intiepidita
.
Io ho fatto solo una variante condendo le patate (4 patate a pasta gialla tagliate con la mandolina) con olio evo, e non ho messo gli ultimi 4 cucchiai di parmigiano. Ha cotto 30 minuti nel piano più basso del forno e poi 15 minuti sul ripiano di mezzo.
.
Dalla famiglia, tutta e in coro: complimenti è strepitosa!!!

21 commenti:

Tar e Tifla ha detto...

In effetti i fiori lilla sono proprio di patate a buccia rossa (rosse le chiamiamo noi) o violacee ma, quello è stato un anno particolare. Quelli dell'anno scorso non li ricordo così belli.

cuochetta ha detto...

Che belle queste storie di condivisione... e affetto e stima profondi... proverò anche io la Tatin... forse le patate rosse riesco a beccarle anche qui :)
in ogni caso anche le patate che ho della mia "contadina di Montà d'Alba" non sono malaccio... proverò entrambe le versioni
Anna

manu e silvia ha detto...

Noi non conoscevamo questi tuberi!
la tua torta ci piace davvero moltissimo!
la proveremo...in particolare per la frolla, che ci sembra saporita e particolare!!!
bacioni

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

@tar e tifla: sicuramente proverò a trovare questa varietà da piantare! :-) Baci

@cuochetta: leggendo i blog degli altri si imparano divertendosi un sacco di cose! Sicuramente le patate che arrivano direttamente dagli orti di Montà sono altrettanto buone! A presto

@manu e silvia: avete ragione è una frolla molto gustosa, che ben si adatta a condire le fette di patata :-)

Aiuolik ha detto...

e ci credo che è strepitosa!!!!!!

Rossa di Sera ha detto...

Stellina, domani vado a comprare le patate!! (Quelle a buccia rossa si trovano per fortuna!) E' che adoro questi tuberi in tutti i modi..
I fiori lilla, però, le conoscevo, in Russia ci sono anche quelli rosa chiaro! La mia nonna aveva un piccolo orto in campagna, con ogni bendiddio piantato, tra cui anche le patate con i fioreliini bellissimi!
Un bacione e buona serata!

Gunther ha detto...

la scelta del tipo di patata è importante secondo me, quie firoi sono belli li hoi visti anche io

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

@aiuolik: è da replicare, replicare e replicare :-)

@rossa di sera: anche rosa? Si potrebbe comporre un vero bouquet! Buona settimana

@gunther: le diverse qualità hanno caratteristiche e pregi diversi, è divertente trovare la giusta ricetta per valorizzarle

lenny ha detto...

Mi sono innamorata di questa tatin salata con gli amati tuberi.
Non so se riucirò a trovare questa varietà, ma è stato interessante conoscerne l'esistenza ed ammirarne i delicati fiori violacei.
Baci

Marta ha detto...

he bella ricetta!vado alla ricerca delle patate...!
E' anche bella da vedere, si potrebbe fare anche in monoporzioni!

Simo ha detto...

Un capolavoro di bontà!
Buon lunedì!!!

Denise ha detto...

splendido tortino...complimenti!

panettona ha detto...

rieccomi a sbirciare le tue meraviglie!!!
un bacio!!!

Mariolin Careme ha detto...

complimenti. è la prima volta che credo prenderò in prestito una ricetta da un altro blog. ovviamente col tuo permesso. ciao

Tar e Tifla ha detto...

Noi troviamo le sementi nel negozio di agraria dove vanno a rifornirsi un terzo dei valdostani ma non sono affatto rare. Si chiamano Curoda o Kuroda (le ho trovate scritte in entrambi i modi) vengono considerate patate di montanga ma noi siamo a 500/600 metri e, a parte che vengono pallide tanto che ti avevo detto che sono a pasta bianca (sono a pasta gialla ovviamente :-) rendono bene. Larve dei maggiolini permettendo :-(

Fra ha detto...

Che squisitezza!!!!
Un abbraccio
fra

Artemisia Comina ha detto...

bellissima.

Rossa di Sera ha detto...

Stellina, l'ho fatta oggi, negli stampini monoporzione! E' davvero sempice e davvero buona!
Diimmi, con che cosa l'hai servita? Per me bastava l'insalata succosa e croccante, il mio marito voleva il sughetto..
Grazie e complimenti!

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

@lenny: il profumo del rosmarino e la sapidità del parmigiano la rendono squisita :-) Baci

@marta: io le monoporzioni le ho ricavate con il coltello ... tanti piccoli spicchi:-P

@simo: buona settimana a te :-)

@denise: è stato un prezioso suggerimento :-)

@panettona: ciao! buona settimana

@mariolin careme: se provi fammi sapere se è stata di tuo gradimento :-)

@tar e tifla: appena riesco a fare una gita mi faccio una lista della spesa lunga un chilometro ...

@fra: è veramente una squisito tortino :-)

@artemisia comina: la prossima volta proverò una tua ricetta di tatin salata :-)

@rossa di sera: sicuramente la monoporzione è ancora più elegante! Noi l'abbiamo degustata al momento dell'aperitivo, una bella insalata è sicuramente un'idea fresca e appropriata!

anna ha detto...

Deliziosa questa tatin. Forse a Milano riesco a trovare questo tipo di patate...bacioni

elisabetta ha detto...

Mi sembra strepitosa davvero, una di quelle ricette da provare alla prima occasione :))

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...