venerdì 17 giugno 2016

Crostata (buonissima) con rabarbaro e fragole



Vi avevo distrattamente parlato della farcitura della crostata nell'ultimo post ... Il fatto di avere una confettura ben soda e gelificata facilita la preparazione dei dessert. Nel caso della crostata non inzuppa l'impasto della frutta e permette la corretta cottura dell'involucro.
L'abbinamento tra fragole e rabarbaro è un classico dei classici. Il rabarbaro cotto diventa cremoso e la sua acidità viene controbilanciata dal profumo e dalla piacevole personalità delle fragole (e poi sappiamo che la mia confettura ha l'apporto delle fragoline di bosco, che mettono il turboboost :-P).
Un accorgimento indispensabile per l'elasticità della frolla, che vi permetterà agevolmente di ottenere la sfoglia e le listarelle) è di non sciogliere il burro. Lavorarlo morbido a tocchetti non è un vezzo ma una regola per la corretta riuscita del dolce.
Se la cucina è creativa e spontanea e ti perdona se personalizzi, la pasticceria è scienza fatta di dosi, precisione e tecnica. Anche in un dolce rustico come questo occorre un po' di tecnica.
La scorza di limone nell'impasto anche lei non è facoltativa, la nota agrumata delle zest finemente grattugiate valorizza il guscio croccante della crostata e fa da trait d'union con il ripieno.
Il rabarbaro cresce nella nostra aiuola delle aromatiche: piantato in un terreno ben drenato da 10 anni mi concede due raccolti uno in primavera e uno in autunno. Una pianta perenne che non richiede nessuna cura. L'unica avvertenza è di non utilizzare le foglie perché sono tossiche dato l'alto contenuto di acido ossalico. Io lo utilizzo per le confetture, per i dolci come la crostata e i crumble, e i sorbetti cremosi.

Crostata di rabarbaro e fragole
ingredienti
una dose di pasta frolla*
6-8 gambi di rabarbaro
10 fragole
300 g di confettura di fragole
zucchero a velo
preparazione
Con 2/3 della pasta frolla ottere un disco di spessore omogeneo per coprire la tortiera da 26 cm. Tagliare i bordi in eccesso con un coltellino in modo da rendere regolare la merlettatura. Stendere metà della confettura. La restante metà scaldarla sul fuoco e usarla per condire i tronchesi ottenuti dal rabarbaro privato dai filamenti in eccesso. Mettere il rabarbaro condito nella teglia, finire con le fragole fresche tagliate a metà. Stendere la pasta rimanete e tagliarla a striscioline. Creare la griglia. Con l'impasto avanzato si possono ricavare delle forcine da mettere in modo casuale sulla griglia.
Infornare a 180° per 40-45 minuti. Sfornare e lasciare intiepidire. Spolverare con un po' di zucchero a velo.

*Pasta frolla classica
ingredienti: 250 gr farina 0, 100 gr burro, 100 gr zucchero, 2 uova piccole, 1 pizzico di sale, 8 gr lievito, scorza di limone non trattato
preparazione
Disporre la farina a fontana e iniziare ad impastare con l’uovo, lo zucchero, il sale e il lievito con la scorza di limone. Quindi unire il burro ammorbidito tagliato a cubetti. Impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Lasciare riposare mezz'ora in frigo. 

4 commenti:

Manu ha detto...

La crostata è una delle mie torte preferite.
Gustosa la tua.
Un abbraccio

Fabiola Falgone ha detto...

Quanto amo le crostate, anche io oggi ne propongo una.Sono ideali per la merenda e la colazione.Un abbraccio Fabiola

Serena ha detto...

Adoro le crostate, ideali sono quelle con la confettura fatta in casa come questa che hai fatto tu sembra buonissima complimenti

Lisa ha detto...

Chissà se mai lo troverò il rabarbaro piacerebbe anche a me provare! Questa ricetta è golosissima! Ciao! ;-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...