venerdì 24 giugno 2016

Ricette delle Langhe: Zucchini in carpione, cusot al brusch




É iniziata finalmente l'estate, con il suo piacevole caldo, le giornate che si allungano. L'orto della mamma regala i primi zucchini e scatta la voglia di riproporre il piatto estivo per antonomasia della tradizione di casa e delle Langhe: zucchini in carpione, o in dialetto cusot al brush.
Sento già la gente che si lamenta del caldo (dopo soli due giorni di bel tempo) ma il ritmo delle stagioni mi piace, mi piace perché seguirlo, mi regala piacevoli ricordi come quello di questo vecchio post del 2008.
Buona estate a tutti :-)


23 giugno 2008

Oggi percorrendo la strada verso l'ufficio, erano circa le due meno un quarto, passando in una via del centro, nella città deserta, ho sentito il canticchiare di una bimba. La sua voce filtrava attraverso le persiane.
Ninna nanna, ninna oh,
questa bimba a chi lo do?
La darò alla Befana
Che la tiene una settimana
La darò all’Uomo Nero
Che la tiene un anno intero...
Ho avuto la percezione delle strade deserte per il caldo afoso, tutti rintanati dietro le tapparelle e le persiane. Ecco l'inizio dell'estate. 
Estate: vuol dire il marciapiede che emana calore proprio, la fetta di anguria, la condensa sui bicchieri di acqua ghiacciata, i frullati, la penombra in casa e il profumo degli zucchini in carpione.
Si cucinano rigorosamente al mattino prestissimo o alla sera tardi quando la temperatura permette di accendere i fuochi della cucina.
Gli zucchini appena raccolti (devono essere piccolini), si tagliano a fette spesse una moneta, come tante piccole bistecchine, si infarinano. Le dosi sono rigorosamente a occhio.
Si fanno friggere in padella con olio extravergine, si sgocciolano su carta assorbente (veramente una volta si usavano i sacchetti del pane) e si salano. Si sistemano in un contenitore profondo in modo ordinato (in una basila). In un pentolino si mette a bollire mezzo bicchiere di aceto di vino, mezzo bicchiere di vino bianco e un bicchiere di acqua, un pizzico di sale. Si aromatizza con salvia, rosmarino, fettine di cipolla e fettine di aglio. Deve sobbollire 10 minuti (si può completare il piatto con uova cotte al tegamino, sistemate sopra le fettine di zucchino) poi si versa ancora caldo sugli zucchini, si lascia intiepidire e poi si lascia ancora riposare in frigo. Il giorno seguente avrete a disposizione una vera prelibatezza!
Questa è un'altra ricetta piemontese che vanta molte varianti, in virtù delle abitudini famigliari.




Zuchini in carpione delle Langhe
Cusot al brusch

ingredienti

zucchini
farina 
olio evo
vino bianco
acqua
aceto di vino
sale marino
cipolla rossa
salvia
rosmarino

preparazione
(vedi sopra)


6 commenti:

Fabiola Falgone ha detto...

Buona questa ricetta non la conoscevo, me la segno. Ho tante zucchine nel mio orto che aspettano di essere utilizzate. Buon weekend Fabiola

Seddy ha detto...

Un piatto della tradizione dall'aspetto delizioso! Belle sensazioni per raccontare l'estate. :)
A presto!

Elena Bruno ha detto...

È semplice e sfiziosa, basta regolare la quantità di aceto al punto giusto. Buon week end!

Elena Bruno ha detto...

Grazie Seddy :-) buon fine settimana!

Serena ha detto...

In effetti è un piatto che richiama l'estate quando la zucchina è al massimo della sue proprietà organolettiche e che ci racconta attraverso i suoi sapori la stagione più calda dell'anno proprio come l'hai descritta tu. Brava Elena ;-)

Elena Bruno ha detto...

Mi piace raccoglierle nell'orto e cucinarle subito, danno proprio soddisfazione. Grazie Serena, e buon fine settimana!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...