sabato 30 aprile 2016

Ricette delle Langhe: pane, burro e acciughe


Per iniziare il week end vi parlo di uno spuntino semplice tipico della tradizione della merenda sinoira delle Langhe. La merenda siniora è un momento conviviale in cui ci si ritrova tutti insieme per consumare un piccolo pasto improvvisato con quello che si ha a disposizione. Ha origini molto antiche e serviva anche a rifocillare dalle fatiche del lavoro dei campi. 
Mi ricordo quando avevamo la seconda casa in campagna, al Bricco di Neive, che capitava, spesso e volentieri, nella bella stagione, una visita non programmata di amici e parenti. Nel tardo pomeriggio si accoglievano gli ospiti mettendo sul tavolo un cacciatorino o un salame da affettare, le tume stagionate (che la mamma faceva asciugare bene e conservava nei barattoli di vetro con la guarnizione le "burnie"), il brus, le frittate con le erbe aromatiche tipo l'erba di San Pietro e le verdure dell'orto, tumatiche e bagnet (pomodori e salsa verde) e le acciughe o al verde (acciughe e salsa verde) o semplicemente sott'olio.
Si acquistavano le belle acciughe sotto sale, magari le spagnole, vendute nelle grosse confezioni di latta. Si pulivano raschiando leggermente il sale con l'aiuto di un coltello. Si dividevano i filetti, si toglieva la lisca. Si lavava ogni filetto con l'aceto di vino di produzione propria (preparato con buon vino e grazie alla "madre" dell'aceto che avvia la fermentazione acetica).
I filetti venivano ben disposti nel barattolo di vetro, alternando fettine di aglio e un po' di prezzemolo. Si copriva tutto con buon olio. Il barattolo era sempre pronto per l'arrivo degli ospiti.
Una fetta di pane fresco, un ricciolo di burro, proprio con questo vecchio attrezzino che vedete in foto. Un buon bicchiere di vino rosso per brindare alla salute. Il vino tipico da pasto era solitamente il dolcetto. Oggi ci vedrei bene anche una buona barbera ferma o un nebbiolo. 
Sì,sì. Sono innamorata delle mie Langhe :-)
Io vi ho raccontato dei miei ricordi, ma se ne volete sapere di più qui trovate un articolo de "La Stampa".
Buon week end!

3 commenti:

Fabiola Falgone ha detto...

Una merenda sana e nutriente. Buon fine settimana, e a presto
Baci Fabiola

Cipensiamo Noi ha detto...

Buonissimo gustoso semplice e di grande effetto! complimenti per la presentazione! Un abbraccio e un bacione
Mirta
*B*u*o*n W*e*e*k E*n*d :-*

lucy ha detto...

sai che anche per me rimane un ricordo indelebile della mia infanzia e la mamma spesso me lo dava come merenda.buonissimo nella sua semplicità da far scendere una lacrima

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...